Il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) è, insieme ai Fondi strutturali europeilo strumento finanziario principale attraverso cui vengono attuate le politiche per lo sviluppo della coesione economica, sociale e territoriale e la rimozione degli squilibri economici e sociali, in attuazione dell’articolo 119, comma 5, della Costituzione e dell’articolo 174 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Costituisce quindi il principale strumento finanziario e programmatico nazionale per le politiche di riequilibrio dei divari territoriali. A tal fine è normativamente previsto che le risorse FSC devono essere destinate per l’80% alle aree del Mezzogiorno e il 20% a quelle del Centro-Nord.

Riguardo al loro utilizzo, la disciplina istitutiva del FSC (D. Lgs. 88/2011) indica espressamente il principio dell’aggiuntività: le risorse del Fondo non possono essere sostitutive di spese ordinarie del bilancio dello Stato e degli enti decentrati, in coerenza con l’analogo criterio dell’addizionalità previsto per i Fondi strutturali dell’Unione Europea. Tali risorse devono quindi finanziare interventi rivolti al riequilibrio economico e sociale aggiuntivi al finanziamento ordinario, nonché a quello comunitario e al contestuale cofinanziamento nazionale.

L’intervento del Fondo è destinato al finanziamento di progetti strategici, sia di carattere infrastrutturale sia di carattere immateriale, di rilievo nazionale, interregionale e regionale, aventi natura di grandi progetti o di investimenti articolati in singoli interventi tra loro funzionalmente connessi.

Il FSC ha carattere pluriennale, in coerenza con l’articolazione temporale della programmazione dei Fondi strutturali dell’Unione Europea, garantendo l’unitarietà e la complementarietà delle procedure di attivazione delle relative risorse con quelle previste per i fondi comunitari.

L’origine del Fondo va rintracciata nel Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS), istituito con la legge n. 289/2002 (Legge finanziaria per il 2003), la cui gestione è attribuita (legge n. 122/2010) al Presidente del Consiglio dei Ministri, che si avvale del Dipartimento per le Politiche di Coesione. Con il suddetto decreto legislativo n. 88/2011, il FAS ha assunto la nuova denominazione attuale di Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

Il FSC è ripartito con apposite delibere del CIPESS, sottoposte al controllo preventivo della Corte dei conti.

I Piani Sviluppo e Coesione

L’articolo 44 del decreto-legge n. 34/2019 ha introdotto una semplificazione nella governance del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, introducendo il “Piano Sviluppo e Coesione” (PSC), che ha sostituito i molteplici strumenti fino ad allora esistenti per attingere alle risorse del FSC. In tal modo, si garantisce un coordinamento unitario in capo a ciascuna Amministrazione titolare dei Piani operativi, nonché una accelerazione della spesa degli interventi.

La disposizione responsabilizza maggiormente l’Amministrazione titolare del programma, in ordine all’individuazione degli interventi, alla rispettiva attuazione e all’approvazione di varianti alla presentazione degli stati di avanzamento e delle richieste di erogazione delle risorse ai beneficiari.

A seguito del confronto all’interno dell’apposita Cabina di regia tra le Amministrazioni statali e quelle regionali e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, è previsto che l’Agenzia per la Coesione territoriale proceda alla predisposizione di un Piano Sviluppo e Coesione per ciascuna Amministrazione titolare di risorse, articolato per aree tematiche, restando il vincolo di destinazione territoriale secondo la chiave di riparto 80% aree del Mezzogiorno e 20% aree del Centro-Nord. Il Piano Sviluppo e Coesione di ciascuna Amministrazione deve essere approvato dal CIPESS, su proposta del ministro per il Sud e la Coesione territoriale.

Di seguito i 9 PSC nazionali, gestiti dai Ministeri, definiti sulla base della delibera CIPESS n. 2/2021.

Sulla base della stessa delibera CIPESS n. 2/2021 sono stati definiti 21 PSC regionali, tra cui il Piano Sviluppo e Coesione della Regione Siciliana, approvato con delibera CIPESS n. 32 del 29 aprile 2021.

 

DOCUMENTAZIONE 

Icon
FileAction
PSC Sicilia 2014-2020 - Delibera CIPESS n. 32_2021Download