Ricerca e Innovazione

La strategia per il periodo 2007–2013, in coerenza con l’obiettivo generale del QSN relativo alla priorità 2, mira con interventi ed azioni sistemiche al raggiungimento dell’obiettivo globale dell’Asse 4 che consiste nel: “Valorizzare in maniera sistemica le filiere della ricerca e dell’innovazione e accrescere la fruibilità dei servizi tecnologici avanzati per i cittadini, le imprese e la Pubblica Amministrazione”.

Il perseguimento di questo obiettivo si pone in linea con l’aggiornamento della Strategia regionale della Ricerca e Innovazione e della Strategia regionale della Società dell’Informazione. Considerata la trasversalità di tali tematiche, le Strategie riportano entro una cornice unitaria i diversi interventi programmati nei vari ambiti settoriali. Sulla base delle esperienze acquisite con la programmazione 2000-2006, i punti essenziali della nuova Strategia regionale sulla Ricerca e Innovazione sono:

  • concentrare le risorse in settori strategici e progetti di grande qualità e di forte impatto, limitando, di conseguenza, gli interventi diffusi sul territorio;

  • promuovere azioni di accompagnamento all’intero ciclo del progetto a partire dalle attività propedeutiche di animazione e sensibilizzazione, fino al monitoraggio, alla valutazione e alla diffusione e pubblicazione dei risultati;

  • rafforzare la governance sulla ricerca attuando i metodi più aggiornati di gestione del ciclo di progetto, dalla valutazione, al monitoraggio, verifica, disseminazione e valorizzazione dei risultati.

In sintesi, l’obiettivo globale dell’Asse che concerne la valorizzazione in maniera sistemica delle filiere della ricerca e dell’innovazione e l’accrescimento della accessibilità e fruibilità dei servizi tecnologici avanzati per i cittadini, le imprese e la Pubblica Amministrazione, viene declinato nei seguenti obiettivi specifici:

4.1 Promuovere e favorire la collaborazione tra sistema della ricerca e imprese favorendo la cooperazione e il trasferimento tecnologico prevalentemente nell’ambito di distretti tecnologici e clusters produttivi e introdurre innovazioni presso le PMI, i consorzi di imprese e i distretti produttivi;

4.2 Potenziare attraverso l’utilizzo delle TIC la capacità competitiva del sistema delle PMI e allargare i benefici per i cittadini derivanti dalla diffusione delle TIC