Ambiente Cultura e Turismo

Le tre tematiche sono sviluppate in seno all’ Asse 3 il cui obiettivo generale è quello di “valorizzare i beni e le attività culturali e ambientali quale vantaggio comparato della regione per rafforzare la coesione sociale e migliorare la qualità della vita dei residenti e aumentare l’attrattività turistica ”.

In particolare, attraverso le operazioni previste dal Programma si trasforma la dotazione locale di risorse culturali, naturali e paesaggistiche in aumento di opportunità e benessere per i cittadini e le imprese siciliane, attraverso l’attivazione di nuove filiere produttive collegate alle risorse culturali e ambientali e la realizzazione di attività culturali in connessione con la politica turistica, inserita sempre in un quadro di sostenibilità. L’Amministrazione regionale, consapevole dello stretto nesso organico che lega risorse ambientali e culturali, delle opportunità per lo sviluppo che i relativi interventi di protezione e valorizzazione offrono al sistema economico siciliano e della diversificazione che può derivarne per l’offerta turistica regionale, intende così connettere in un’unica politica di carattere territoriale gli interventi relativi ai beni culturali e quelli naturali al fine di una loro migliore valorizzazione e fruizione in senso turistico.

Per quanto concerne il tema della cultura, la strategia per il periodo 2007-2013 tende verso due principali modelli di attuazione sul territorio delle politiche culturali:

  • “poli culturali”con interventi di restauro e valorizzazione dei poli di eccellenza del patrimonio culturale, per attivare un processo di “integrazione verticale” (piena fruibilità, sviluppo dell’imprenditoria e adeguamento infrastrutturale, nonché qualificazione di risorse professionali in sinergia con il POR FSE). Gli interventi in questione non riguarderanno i grandi attrattori di valenza sovra-regionale di competenza del POI;

  • progetti – anche di valenza territoriale e integrati – finalizzati a promuovere “beni minori” attraverso azioni volte a valorizzare le risorse offerte dai sistemi minori, al fine di attrarre flussi turistici durante l’intero anno solare e di equilibrare la dicotomia esistente tra le aree interne e le zone costiere, tra le città d’arte ed i borghi storici.

Le finalità in termini di valorizzazione delle risorse naturali, si basano fondamentalmente sul sostegno ad un approccio sistemico nella valorizzazione delle aree ad alta naturalità, perseguendo una strategia di area vasta nella conservazione della biodiversità da coniugare allo sviluppo economico e sociale che sia nel contempo sostenibile e duraturo. Inoltre, si intende massimizzare il beneficio del vantaggio comparato che il patrimonio naturale rappresenta per la Sicilia, puntando sulla tutela delle risorse e sulla valorizzazione e consolidamento dell’indotto, in una logica di sistema produttivo, assicurando una sinergica e costante connessione con il sistema culturale ed il sistema turistico e contribuendo, in ultima analisi, al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, con particolare riferimento alle aree più marginali del territorio regionale.

Per quanto concerne la più complessiva azione rivolta a rafforzare l’attrattività turistica la strategia tenderà a favorire la continua ridefinizione dei modelli che regolano le attività economiche del turismo, in relazione alle esigenze poste dalla globalizzazione e dalla crescente specializzazione dei diversi contesti territoriali e delle relative vocazioni. In questo senso si tenderà a favorire l’identificazione della “destinazione” Sicilia come diversa ed alternativa alle destinazioni in concorrenza. Si tratta, dunque, di coniugare gli apporti delle amministrazioni con quelli delle imprese private e delle loro organizzazioni abbinando alla capacità delle aree omogenee di esprimere progetti innovativi che, partendo dall’offerta delle strutture di accoglienza, usufruiscano delle potenzialità di settori interdipendenti tra loro (come i trasporti e le infrastrutture, l’industria manifatturiera, l’agricoltura, l’ambiente, i beni culturali, lo sport).

Alla luce di queste tre strategie, l’obiettivo globale dell’Asse è declinato in tre obiettivi specifici, riconducibili ai tre ambiti di intervento:

3.1 Valorizzare i beni e le attività culturali per aumentare l’attrattività dei territori, per rafforzare la coesione sociale e migliorare la qualità della vita dei residenti

3.2 Rafforzare la rete ecologica siciliana, favorendo la messa a sistema e la promozione delle aree ad alta naturalità e conservando la biodiversità in un’ottica di sviluppo economico e sociale sostenibile e duraturo

3.3 Rafforzare la competitività del sistema turistico siciliano attraverso l’ampliamento, la riqualificazione e la diversificazione dell’offerta turistica ed il potenziamento di investimenti produttivi delle filiere turistiche